L’illegalità ambientale nel 2017

Il 2017 ha registrato un aumento del 18,6% degli illeciti ambientali rispetto all’anno precedente, sommando un totale di 30.692 reati contestati dalle Forze dell’ordine. Ciò significa che sono stati verbalizzati più di 84 reati al giorno, 3,5 ogni ora. Numeri che, se da una parte raccontano un paese ancora afflitto dagli ecocriminali, dall’altra parlano del successo dell’attività di contrasto, che può vantare anche un rinnovato apparato sanzionatorio legato alla legge 68 del 2015.
Nelle quattro regioni a tradizionale insediamento mafioso si sono contate 13.488 infrazioni, quasi il 44% del totale nazionale, 13.413 denunce, 207 arresti e 3.699 sequestri. La Campania è la regina della classifica con 4.382 illeciti (14,6% sul totale nazionale), poi vengono la Sicilia (3.178), la Puglia (3.119), la Calabria (2.809) e il Lazio (2.684), mentre la Liguria è la prima regione del Nord con 1.792 illeciti.
Il numero maggiore di reati è stato contestato nel ciclo dei rifiuti (23,8%), quindi nel campo dei delitti contro gli animali e la fauna selvatica (22,8%), in quello degli incendi boschivi (21,3%) e nel ciclo del cemento (12,7%).

L’illegalità ambientale
  Cc – Cufa  – Cta – Ctpc – Cpa – Cts Ctl  Gdf Cdp Cfr Ps Icqrf Totale
Infrazioni accertate 17.645 2.110 7.833 2.484 165 455 30.692
Denunce 23.844 1.995 8.472 1.511 258 3.131 39.211
Arresti 325 53 32 36 92 0 538
Sequestri 6.540 2.110 677 522 215 963 11.027
Fonte: elaborazione Legambiente su dati del Comando Unità Forestali, Ambientali e Agroalimentari Carabinieri (CUFA), Comando Carabinieri per la Tutela Ambiente, Comando Carabinieri per la Tutela della Salute, Comando Carabinieri Politiche Agricole, Comando carabinieri tutela del lavoro, Guardia di finanza, Capitanerie di porto, Corpi forestali delle regioni a statuto speciale, Polizia dello Stato e Icqrf – Ispettorato centrale della tutela e della qualità e repressione dei prodotti agroalimentari del ministero delle Politiche agricole alimentari e forestali (2017).
L’illegalità ambientale nelle regioni a tradizionale presenza mafiosa
Campania Puglia Calabria Sicilia Totale*
Infrazioni accertate 4.382 3.119 2.809 3.178 13.488
% sul totale nazionale 43,9%
Denunce ** 4.471 3.316 1.894 3.732 13.413
Arresti 19 65 43 80 207
Sequestri 1.342 982 727 648 3.699
Fonte: elaborazione Legambiente su dati del Comando Unità Forestali, Ambientali e Agroalimentari Carabinieri (CUFA), Comando Carabinieri per la Tutela Ambiente, Comando Carabinieri per la Tutela della Salute, Comando Carabinieri Politiche Agricole, Comando carabinieri tutela del lavoro, Guardia di finanza, Capitanerie di porto, Corpi forestali delle regioni a statuto speciale, Polizia dello Stato e Icqrf – Ispettorato centrale della tutela e della qualità e repressione dei prodotti agroalimentari del ministero delle Politiche agricole alimentari e forestali (2017).
(*)sul totale delle infrazioni, sono esclusi i dati dei Carabinieri Politiche agricole e alimentari, Carabinieri tutela della salute e ICQRF – ispettorato centrale della tutela e della qualità e repressione dei prodotti  agroalimentari del ministero delle politiche agricole alimentari e forestali anno 2017
(**)sul totale delle denunce, degli arresti e dei sequestri sono esclusi i dati dei Carabinieri tutela patrimonio culturale, Carabinieri politiche agricole e alimentari, Carabinieri tutela della salute e ICQRF – ispettorato centrale della tutela e della qualità e repressione dei prodotti agroalimentari del ministero delle politiche agricole alimentari e forestali anno 2017

illegalita-ambientale-2017

Fonte: elaborazione Legambiente su dati del Comando Unità Forestali, Ambientali e Agroalimentari Carabinieri (CUFA), Comando Carabinieri per la Tutela Ambiente, Comando Carabinieri per la Tutela della Salute, Comando Carabinieri Politiche Agricole, Comando carabinieri tutela del lavoro, Guardia di finanza, Capitanerie di porto, Corpi forestali delle regioni a statuto speciale, Polizia dello Stato e Icqrf – Ispettorato centrale della tutela e della qualità e repressione dei prodotti agroalimentari del ministero delle Politiche agricole alimentari e forestali (2017).
La classifica regionale dell’illegalità ambientale
    Regione Infrazioni accertate* % sul totale nazionale Denunce** Arresti** Sequestri**
1 Campania 4.382 14,6% 4.471 19 1.342
2 Sicilia 3.178 10,6% 3.732 80 648
3 Puglia 3.119 10,4% 3.316 65 982
4 Calabria 2.809 9,3% 1.894 43 727
5 Lazio 2.684 8,9% 2.373 70 1.009
6 Toscana 2.138 7,1% 2.222 14 412
7 Liguria 1.792 6% 1.810 5 233
8 Sardegna 1.558 5,2% 1.792 25 340
9 Lombardia 1.269 4,2% 1.452 32 581
10 Emilia Romagna 999 3,3% 945 1 275
11 Veneto 872 2,9% 1.257 10 318
12 Piemonte 870 2,9% 691 1 167
13 Marche 845 2,8% 986 2 187
14 Abruzzo 823 2,7% 781 2 217
15 Basilicata 716 2,4% 575 4 81
16 Umbria 706 2,3% 679 1 73
17 Friuli Venezia Giulia 542 1,8% 440 225
18 Molise 421 1,4% 338 1 54
19 Trentino Alto Adige 292 1% 206 1 9
20 Valle d’Aosta 49 0,2% 41 2
  TOTALE 30.064 100% 30.001 376 7.882
Fonte: elaborazione Legambiente su dati del Comando Unità Forestali, Ambientali e Agroalimentari Carabinieri (CUFA), Comando Carabinieri per la Tutela Ambiente, Comando Carabinieri per la Tutela della Salute, Comando Carabinieri Politiche Agricole, Comando carabinieri tutela del lavoro, Guardia di finanza, Capitanerie di porto, Corpi forestali delle regioni a statuto speciale, Polizia dello Stato e Icqrf – Ispettorato centrale della tutela e della qualità e repressione dei prodotti agroalimentari del ministero delle Politiche agricole alimentari e forestali (2017).
(*)sul totale delle infrazioni, sono esclusi i dati dei Carabinieri Politiche agricole e alimentari, Carabinieri tutela della salute e ICQRF – ispettorato centrale della tutela e della qualità e repressione dei prodotti agroalimentari del ministero delle politiche agricole alimentari e forestali anno 2017.
(**)sul totale delle denunce, degli arresti e dei sequestri sono esclusi i dati dei Carabinieri tutela patrimonio culturale, Carabinieri politiche agricole e alimentari, Carabinieri tutela della salute e ICQRF – ispettorato centrale della tutela e della qualità e repressione dei prodotti agroalimentari del ministero delle politiche agricole alimentari e forestali anno 2017.
La classifica provinciale dell’illegalità ambientale
  Provincia Infrazioni accertate*
1 Napoli 1.351
2 Roma 1.260
3 Cosenza 1.074
4 Salerno 974
5 Palermo 897
6 Avellino 856
7 Genova 795
8 Bari 766
9 Foggia 750
10 Lecce 619
11 Latina 581
12 Reggio Calabria 538
13 Catania 491
14 Livorno 469
15 Taranto 461
16 Potenza 414
17 Cagliari 399
18 Brescia 397
19 Venezia 393
19 Catanzaro 393
Fonte: elaborazione Legambiente su dati del Comando Unità Forestali, Ambientali e Agroalimentari Carabinieri (CUFA), Comando Carabinieri per la Tutela Ambiente, Comando Carabinieri per la Tutela della Salute, Comando Carabinieri Politiche Agricole, Comando carabinieri tutela del lavoro, Guardia di finanza, Capitanerie di porto, Corpi forestali delle regioni a statuto speciale, Polizia dello Stato e Icqrf – Ispettorato centrale della tutela e della qualità e repressione dei prodotti agroalimentari del ministero delle Politiche agricole alimentari e forestali (2017).
(*)sul totale delle infrazioni, sono esclusi i dati dei Carabinieri Politiche agricole e alimentari, Carabinieri tutela della salute e ICQRF – ispettorato centrale della tutela e della qualità e repressione dei prodotti agroalimentari del ministero delle politiche agricole alimentari e forestali anno 2017.

illegalita-ambientale-97-ad-oggi

Fonte: elaborazione Legambiente su dati forze dell’ordine, Capitanerie di porto, Polizie provinciali e Icqrf – ispettorato centrale della tutela e della qualità e repressione dei prodotti agroalimentari del ministero delle politiche agricole alimentari e forestali (1992/2017).
*nelle Regioni a tradizionale presenza mafiosa sono esclusi i dati dei Carabinieri Politiche agricole e alimentari, Carabinieri per tutela Patrimonio della salute e ICQRF – ispettorato centrale della tutela e della qualità e repressione dei prodotti agroalimentari del ministero delle politiche agricole alimentari e forestali anno 2015 e 2017.